Minori Stranieri Non Accompagnati: 11 maggio incontro a Como su buone pratiche

Minori Stranieri Non Accompagnati. Laboratorio di idee e buone pratiche per accogliere, educare, includere, sabato 11 maggio 2024 dalle 9 alle 13,30 al Teatro Nuovo di Rebbio – Como, via Lissi 9.

Promosso da Rete Porto Sicuro, Como senza frontiere e Parrocchia di San Martino in Rebbio, si svolgerà nella mattina di sabato 11 maggio il Laboratorio di idee e buone pratiche sul tema dell’accoglienza, educazione e inclusione dei Minori stranieri non accompagnati.

L’iniziativa intende portare, con diverse modalità di confronto e di dibattito, un fattivo contributo alla comunità locale per:
– acquisire collettivamente informazioni approfondite sulla possibilità di realizzare una buona accoglienza per i minori stranieri soli anche nel quadro della normativa vigente, che
pure evidenzia non pochi limiti e criticità;
– favorire l’esame delle problematiche umane e sociali che costellano il percorso dei minori stranieri dall’arrivo sul territorio italiano, prima, durante e in uscita dal periodo di
accoglienza e le possibili strategie di gestione e soluzione;
– fornire un’occasione di incontro, scambio di informazioni e interazione tra i molti soggetti attivi sul nostro territorio, a titolo professionale o volontario, soggetti portatori di
competenze ed esperienze di valore e che sono di fatto interlocutori fondamentali per le istituzioni;
– dare voce alla necessità di impegno morale civile e politico nei confronti di persone fragili e dei loro diritti.
In quest’ottica, il primo momento della mattinata sarà dedicato ai contributi di esponenti di amministrazioni locali che hanno elaborato pratiche e progetti dedicati ai Minori Stranieri Non Accompagnati:
– Rosita Viola, assessora alle Politiche sociali e delle fragilità del Comune di Cremona,
– Emanuele Manzoni, assessore al Welfare del Comune di Lecco,
– Annaviola Toller, del Servizio protezioni internazionali di Azienda pubblica Servizi alla Persona della Città di Bologna
– Lamberto Bertolè, assessore al Welfare e alla salute del Comune di Milano (in collegamento).
La seconda parte dell’incontro sarà dedicata alla discussione in tavoli tematici, che affronteranno non solo l’accoglienza in emergenza, ma anche altri aspetti del percorso di
integrazione, come l’apprendimento della lingua italiana, l’inserimento lavorativo, e il momento critico del passaggio alla maggiore età (quando molti vengono estromessi dal
sistema di accoglienza, con il rischio di vanificare il percorso già fatto).
La partecipazione è libera.